Aumentare l’adozione delle travel policy attraverso il marketing digitale

Tutti gli sforzi fatti per costruire il vostro programma di viaggio non saranno efficaci se i viaggiatori non lo utilizzano.

I viaggiatori d’affari sono come gli altri consumatori: hanno delle scelte e se non li raggiungete con le tattiche di marketing, a cui sono abituati, inizieranno a cercare al di fuori del vostro travel program. E nell’era di oggi le scelte di acquisto per i servizi travel sono illimitate.

A differenza di 20 anni fa, i viaggiatori non si rivolgono solo alla loro TMC: tutti sono abituati a cercare e trovare da soli le cose online. In qualità di travel manager, questo significa che dovete adottare misure proattive per attirare l’attenzione dei viaggiatori e comunicare con loro la vostra politica di viaggio prima che vadano a prenotare da soli e probabilmente fuori policy o al di fuori dei canali istituzionali.

Qualche suggerimento per indirizzare la scelta dei viaggiatori

IMMEDESIMATI NEI TUOI VIAGGIATORI

Per inviare il messaggio di comunicazione giusto al momento giusto, i travel manager devono innanzitutto comprendere le preoccupazioni attuali dei viaggiatori e sapere cosa li spinge a prendere le loro decisioni. Ad esempio, i viaggiatori possono prenotare al di fuori della policy aziendale perché:

  • non conoscono il travel program o non hanno mai letto la travel policy, o non ne capiscono il valore.,
  • Non hanno familiarità con gli strumenti che volete che utilizzino (ad esempio non sanno usare il self booking tool).
  • Trovano l’utilizzo dei vostri strumenti difficile o dispendioso in termini di tempo.
  • Sono stati influenzati da messaggi esterni, pubblicità di fornitori o altro

DEFINISCI GLI OBIETTIVI

Oltre a comprendere i viaggiatori, è essenziale capire le priorità del travel program aziendale. La vostra azienda è focalizzata sulla sostenibilità? L’utilizzo di determinati fornitori preferenziali è prioritario per gli obbiettivi di saving? Al primo posto che il benessere dei dipendenti?

Una volta conosciuti i vostri obiettivi e le vostre priorità, individuate le eventuali lacune tra i vostri obiettivi e il comportamento dei vostri viaggiatori. È qui che si possono implementare strategie di marketing digitale che influenzino i viaggiatori ad allinearsi con i vostri obiettivi. Oggi gli esperti di marketing digitale utilizzano la messaggistica basata sui dati per ottenere risultati e creare un’ottima esperienza per i clienti. Questo, a sua volta, porta i consumatori a prendere le decisioni di acquisto che l’azienda desidera.

COMPRENDI LA CUSTOMER JOURNEY

Sviluppare il messaggio giusto non è sufficiente per indurre un cambiamento di comportamento nei viaggiatori. È altrettanto importante trasmettere il messaggio al momento giusto e in modo coinvolgente. Proprio come fanno i digital marketer, i travel manager devono comprendere i loro clienti: i viaggiatori d’affari. Questo percorso può essere suddiviso in cinque fasi: consapevolezza, reperibilità, considerazione, conversione e adesione.

Consapevolezza: in questa fase dovrete costruire l’identità e creare le basi per una comunicazione affidabile. Questo vi permetterà di raggiungere i viaggiatori con i messaggi giusti al momento giusto e di farli notare e agire.

Reperibilità: consiste nel posizionare le informazioni reperibili nei luoghi in cui il viaggiatore le cerca; lo strumento di prenotazione, l’applicazione mobile, la intranet aziendale e così via. Si tratta di individuare i punti di contatto digitali interni che consentono di raggiungere i viaggiatori con messaggi tempestivi e accurati.

Considerazione: la considerazione consiste nello sviluppare messaggi con il tono giusto per spingere i viaggiatori nella giusta direzione. Ad esempio, potreste voler far scegliere loro un vettore aereo piuttosto che un altro, oppure considerare la sostenibilità, o ancora pensare a come comunicare che le loro scelte aiutano l’azienda nel suo complesso o in termini di saving

Conversione: riguarda convincere i viaggiatori a compiere l’azione desiderata o a cambiare comportamento facendo arrivare loro i messaggi al momento giusto. In parte si tratta di evidenziare “cosa ci guadagno” per far capire i vantaggi.

Advocacy: l’ultima fase consiste nel pensare a come i viaggiatori soddisfatti possano diventare sostenitori verso altri colleghi. Questo può significare che i travel manager possono rivolgersi ad alcuni dipendenti in particolare per sostenere il messaggio.

Una volta compreso il percorso del “cliente”, si può iniziare a creare una serie di messaggi di comunicazione per indirizzare il comportamento dei viaggiatori nella direzione desiderata ricordandoci che abbiamo a disposizione per le strategie di coinvolgimento dei viaggiatori, tutti i canali e gli strumenti digitale.

La chiave è capire come sviluppare messaggi che incoraggino i comportamenti desiderati dall’organizzazione e in quale punto del percorso di acquisto collocare tali messaggi per ottenere la massima efficacia.

Degli esempi pratici di messaggi e strategie digitali per coinvolgere i vostri viaggiatori d’affari?

Leggi l’articolo originale sul blog di ADVITO

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.