INIZIATE a costruire un travel program incentrato sugli ESG

Se state cercando di costruire un travel program sostenibile in questo momento, ci sono due cose da tenere presenti.

Innanzitutto, non si tratta più solo di sostenibilità ambientale. Le aziende utilizzano il quadro di riferimento ambientale, sociale e di governance (ESG) per sviluppare e misurare i propri obiettivi. In secondo luogo, l’integrazione di nuove fonti di dati, a parte i tre grandi dati di agenzia, pagamento e spesa, è essenziale per aiutarvi a costruire il programma.

Cosa significa ESG per il vostro programma di viaggio

ESG è un cambiamento di mentalità sia per i travel manager che per le aziende. Significa non pensare solo alle emissioni e a come la sostenibilità possa essere integrata nella struttura di governance del programma. Ecco alcune delle aree da considerare.

ENVIRONMENT

Non si può sfuggire alla necessità di ridurre le emissioni come parte fondamentale dell’attenzione alla responsabilità ambientale, e il modo principale per farlo è viaggiare meno. Certo, i viaggi d’affari sono ancora importanti, ma ora l’attenzione si sta spostando su viaggi consapevoli o mirati. Chiedetevi: dovete approvare ogni viaggio di un giorno richiesto dai viaggiatori? E se siete viaggiatori, valutate davvero se il viaggio è essenziale per l’azienda e giustifica l’impatto sulle emissioni.

Per ridurre i viaggi e le emissioni inutili, è necessario raccogliere e analizzare i dati per prevedere la domanda. Capire perché le persone viaggiano all’interno della vostra azienda, sapere quali viaggi hanno risultati importanti per l’azienda e quali potrebbero essere sostituiti da conferenze virtuali.

L’altra parte dell’approccio consiste nel viaggiare meglio, fornendo ai dipendenti le informazioni necessarie per prendere le decisioni giuste. Sapete quali delle vostre rotte principali hanno la possibilità di passare dal trasporto aereo a quello ferroviario? O quanti hotel nei vostri mercati principali sono certificati LEED? Disporre di queste informazioni aiuterà i viaggiatori a fare scelte più responsabili dal punto di vista ambientale quando viaggiano per lavoro, come ad esempio capire quali tipi di aeromobili producono maggiori emissioni o quali hotel hanno una certificazione ecologica.

I punti in comune sia per viaggiare meno che per viaggiare meglio sono l’utilizzo dei dati per sapere cosa succede nel vostro programma e il coinvolgimento dei viaggiatori per guidare il processo decisionale.

SOCIAL

Anche la “S” di ESG è molto importante per un programma di viaggio. È importante capire l’impatto dei viaggi sul benessere dei dipendenti. Questo aspetto è ancora più cruciale nell’attuale contesto dei viaggi, con considerazioni sulla salute e sulla sicurezza in continua evoluzione.

Un buon punto di partenza è porsi le seguenti domande:

  • In che modo i viaggi d’affari contribuiscono a migliorare il benessere dei dipendenti o lo riducono?
  • In che modo i viaggi di lavoro influiscono sulla vostra strategia di fidelizzazione e sui risultati ottenuti?
  • In che modo i viaggi di lavoro influiscono sulla visione complessiva della vostra azienda in materia di diversità, equità e inclusione (un altro aspetto del benessere) e su ciò che vi aspettate dai vostri fornitori?

Le risposte vi aiuteranno a guidare le discussioni interne e a scegliere i fornitori i cui obiettivi sono in linea con i vostri.

GOVERNANCE

Come ci si aspetterebbe, la governance riguarda principalmente la travel policy e il bilanciamento degli obiettivi finanziari con un’azienda più responsabile. È un buon momento per esaminare se e come la vostra travel policy debba cambiare per supportare gli obiettivi di sostenibilità che avete stabilito. L’inclusione della sostenibilità nella struttura di governance della vostra policy può aiutare a cambiare la mentalità o la cultura dei viaggi d’affari nella vostra organizzazione. Inoltre, è utile vedere come queste iniziative supportano altri obiettivi del vostro programma, come la soddisfazione dei viaggiatori, i risparmi del programma, la riduzione dei rischi, il benessere dei viaggiatori e altro ancora.

Come i dati aiutano a costruire un programma più sostenibile

La maggior parte delle riduzioni delle emissioni dovrebbe derivare dal viaggiare meno, e ancor più dal viaggiare meglio. Avere i dati giusti è una parte fondamentale per far sì che questo accada. Ecco alcuni esempi.

  • Il risparmio maggiore di emissioni si ottiene gestendo in modo efficiente il programma aereo. Ciò potrebbe significare scegliere rotte migliori o aerei migliori, oppure sostituire l’aereo con il treno nelle città in cui è possibile farlo.
  • Raccogliete dati sullo scopo dei viaggi aerei per lavoro, in modo da poter capire veramente la domanda. E rendetevi conto che questi dati si evolveranno; le ragioni per cui le persone viaggiano in piena pandemia potrebbero essere diverse da quelle che si hanno quando non c’è una crisi sanitaria globale.
  • Capire che non sempre c’è un conflitto tra obiettivi di sostenibilità e obiettivi di risparmio. Ad esempio, quando si sceglie un fornitore di hotel, è bene sapere che le proprietà di lusso sono spesso meno sostenibili. Questo perché di solito sono più grandi e offrono più servizi (come spa, piscine e ristoranti) che aumentano le emissioni. Passando da strutture di lusso a strutture di fascia alta si può risparmiare sulle emissioni di carbonio e sui costi, senza compromettere la soddisfazione dei viaggiatori.

Raccogliete e analizzate un maggior numero di dati sul programma di viaggio e integrate fonti di dati esterne rilevanti. Il costo totale dei viaggi, comprese le emissioni, diventerà una parte fondamentale della discussione dei budget e della strutturazione degli obiettivi di sostenibilità.

Ad esempio, due tratte di un volo da Monaco a Tokyo possono essere simili per prezzo e durata, ma molto diverse per quanto riguarda le emissioni di carbonio. Prima della chiusura dello spazio aereo russo, la rotta attraverso Dubai avrebbe generato più CO2 di quella attraverso Helsinki. Alla fine, queste emissioni aggiuntive si ripercuoteranno sui profitti. Le tasse sulle emissioni di anidride carbonica sono in arrivo e saranno costose, quindi ha senso capire subito l’impatto delle vostre emissioni.

GATE4, la metodologia di reporting delle emissioni di carbonio di Advito, può fornirvi i dati di cui avete bisogno, non solo sulle emissioni, ma anche sulla sostenibilità complessiva per i diversi aspetti del viaggio, dai meeting e gli eventi al benessere dei viaggiatori.

Non aspettate a inserire gli obiettivi ESG in ogni aspetto del vostro programma di viaggio, in modo da essere pronti quando la sostenibilità diventerà ancora più importante.

Articolo originale: Don’t wait to start building an ESG focused business travel program

Advito | By April Bridgeman, Managing Director and Senior Vice President, Hotel Solutions

Interessato ad approfondire il tema della sostenibilità?
Leggi anche questi approfondimenti:

Non sei ancora cliente BCD Travel? Contattaci per avere maggiori informazioni.

CONSIGLI E TOOLS PER LA TRAVEL SECURITY

Scarica il white paper e leggi i 4 suggerimenti per aumentare la sicurezza dei viaggiatori.

La pandemia e la situazione di instabilità socio-politica del momento enfatizzano la necessità di avere un piano di travel risk management efficace.

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.