Evoluzione del viaggio aziendale nel 2024: analisi e prospettive da BCD

Il Team BCD Travel Research and Intelligence condivide le prospettive del settore viaggi per il 2024 in un nuovo report. Nel dettaglio, il team di BCD ha pubblicato le prospettive economiche, i principali rischi, le previsioni dei prezzi per aerei, hotel e autonoleggi, nonché le tendenze dei viaggi sostenibili e altro ancora.

Analisi dell’economia mondiale

Nonostante le aspettative iniziali, la crescita economica mondiale nel 2023 ha superato le previsioni, ma la prospettiva futura rimane incerta. Il Global Crisis Management di BCD ha identificato rischi specifici, come il cambiamento climatico, la cybersicurezza, la geopolitica e altri, che potrebbero minare i progressi.

Prepararsi al calo delle tariffe aeree

La ripresa dei viaggi aerei non segue un modello uniforme in tutto il mondo. In alcune circostanze, né la domanda né la capacità sono ritornate ai livelli pre-pandemici; in altre, il rimbalzo iniziale potrebbe aver raggiunto la sua conclusione, portando a una normalizzazione delle condizioni di mercato. Di conseguenza, i fattori che determineranno le variazioni delle tariffe aeree nel 2024 saranno influenzati dalla specificità di ciascun mercato.

A livello globale, è previsto un calo dell’0,8% nei prezzi medi dei biglietti (ATP) nel 2024. Le tariffe regionali dovrebbero diminuire dell’0,9%, mentre quelle intercontinentali dell’0,5%. La riduzione delle tariffe business globali, con un 1,2%, è stimata essere più accentuata rispetto alla diminuzione dell’0,8% prevista per i biglietti economici.

Nelle regioni di Asia, Europa, America Latina e Pacifico sud-occidentale, si prevede un calo delle tariffe aeree superiore al 2%. L’aumento delle tariffe aeree medie è probabile solo in Africa e Nord America, ma si stima che l’incremento delle ATP in questi due mercati sia inferiore all’1%.

Jorge Cruz, executive vice president of Global Sales & Marketing at BCD, ha commentato questa tendenza dichiarando: “Negli ultimi due anni, abbiamo osservato un aumento significativo delle tariffe aeree. Consigliamo alle aziende di riesaminare le loro politiche di viaggio e di adattare i comportamenti di prenotazione dei loro viaggiatori al fine di ridurre il costo complessivo dei programmi di viaggio”.

Gli hotel potranno limitare la disponibilità e applicare tariffe più alte

Gli hotel stanno adottando nuove strategie per gestire la disponibilità e applicare tariffe più elevate. Nel 2024, è previsto un aumento medio del 6,8% nelle tariffe alberghiere a livello globale. Nonostante un rallentamento nell’andamento della ripresa, la domanda continua a superare l’offerta in diversi mercati. Sebbene siano in corso progetti per incrementare il numero di camere d’albergo, ciò richiederà tempo per essere pienamente operativi, e lo sviluppo varierà notevolmente da un mercato all’altro.

Le preoccupazioni degli albergatori in merito all’occupazione stanno cedendo il passo a un maggiore focus sulle tariffe medie giornaliere e sui ricavi per camera disponibile. Invece di cercare di occupare tutte le camere disponibili, gli hotel potrebbero mostrarsi più inclini ad accettare una minore occupazione, limitando la disponibilità e applicando tariffe più elevate. Questo cambiamento di priorità, accentuato dall’alta inflazione in molti Paesi, offre il vantaggio agli albergatori di ridurre i costi operativi degli hotel, ad esempio attraverso una diminuzione dei costi di pulizia.

Jorge Cruz sottolinea l’evoluzione delle strategie nel settore alberghiero: “Negli ultimi anni, gli hotel hanno adottato approcci più sofisticati nella gestione dei ricavi e dei rendimenti. Le camere disponibili a tariffe preferenziali sono diventate sempre più difficili da reperire per i viaggiatori d’affari. Mentre è cruciale per i travel buyer negoziare tariffe competitive, è altrettanto essenziale garantire che tali tariffe siano accessibili quando necessario. In caso contrario, ciò potrebbe tradursi nel pagamento di tariffe di mercato, contribuendo ad aumentare i costi dei programmi alberghieri nel 2024“. Guarda questo video di approfondimento

La sostenibilità nei viaggi aziendali rimarrà un tema centrale

I risultati della nostra indagine parlano chiaro: due terzi dei travel buyer attribuiscono una grande o estrema importanza alla prospettiva ambientale dei viaggi sostenibili. Quasi la metà di loro ha già stabilito obiettivi formali per rendere più sostenibili i viaggi aziendali. Tuttavia, i travel manager saranno chiamati a fare ulteriori sforzi, specialmente alla luce degli sviluppi previsti nel campo della sostenibilità nel 2024, tra cui le nuove normative sulle emissioni.

Nel 2024 entrerà in vigore la direttiva UE sulla rendicontazione della sostenibilità aziendale, ampliando le informazioni già esistenti sulla sostenibilità aziendale“, ha precisato Cruz. “Con il coinvolgimento del Regno Unito, dell’Australia e probabilmente degli Stati Uniti, ci si aspetta un aumento della richiesta di dati e trasparenza sulle emissioni da parte dei fornitori di servizi di viaggio e dei loro clienti aziendali“.

Novità e ricerche

L’Oriente incontra l’occidente: guida per viaggiatori d’affari a Singapore

L’Instant Query per l’analisi dei programmi di viaggio in un click

Irish Football Association celebra la partnership con BCD Sport

Migliorare la sicurezza del Travel Program per salvaguardare i viaggiatori

BCD TV: Cosa c’è alla base della sostenibilità e delle strategie DE&I?

BCD TV: L’evoluzione dei viaggi d’affari

Stay in the know,
even on the go

Never want to miss a thing?

We'll get you the latest news, trends, insights and BCD news right in your inbox.