Viaggi sostenibili e benessere dei viaggiatori

Ospite del blog Amelie Losanes, Senior Consultant, Advito

Offrire valore e comfort ai viaggiatori d’affari può essere una sfida importante quando si integra nel travel program anche il tema sostenibilità. Tuttavia, con la giusta strategia, la sostenibilità e il benessere possono rendere il programma di viaggio interessante per i dipendenti e contribuire a ridurre le minacce ambientali. Aiutate i vostri viaggiatori d’affari a gestire il loro benessere guidandoli verso viaggi mirati, confortevoli e intelligenti.

Viaggiare solo se necessario per contribuire a ridurre le emissioni

Quando si tratta di viaggi di lavoro, uno dei modi più semplici per ridurre le emissioni è semplicemente viaggiare di meno. Questo non significa cancellare in toto i viaggi d’affari, ma piuttosto valutare ciascuno di essi e assicurarsi che i traveler si mettano in viaggio solo quando è davvero necessario. Introducete un quadro di riferimento o delle domande di rito per consentire ai viaggiatori di prendere decisioni sicure e in linea con gli obiettivi aziendali. Un vantaggio? Un minor numero di viaggi di lavoro non solo aiuta l’ambiente, ma anche il saving aziendale e il benessere del dipendente che avrà più tempo dedicato alla vita personale.

Viaggiare meno ma in modalità più confortevole

Riducendo il numero di viaggi all’anno e lavorando a stretto contatto con la TMC, potreste essere in grado di fornire ai vostri viaggiatori d’affari degli upgrade, come sedili con più spazio per le gambe; i dipendenti che arrivano riposati saranno probabilmente più produttivi e sicuramente più soddisfatti della trasferta.

Hotel sostenibili e convenienti

Costruite un solido hotel program e una lista specifica di strutture che i vostri viaggiatori possano utilizzare nella scelta degli hotel, concentratevi su alcuni elementi chiave:

  • vicinanza all’ufficio o alla sede in cui si svolge l’attività lavorativa
  • livello di comfort e servizi
  • iniziative di sostenibilità o certificazioni ecologiche

Offrendo ai vostri viaggiatori hotel con certificazione ecologica, fornirete loro altre garanzie: l’impegno dell’hotel a gestire meglio l’acqua, l’energia e i rifiuti, oltre a lavorare attivamente per proteggere l’economia e la biodiversità locali.

Treno vs. aereo

Prendere un treno è in media 20 volte più efficiente dal punto di vista delle emissioni di carbonio rispetto all’aereo. I treni offrono anche vantaggi in termini di benessere, come più spazio per le gambe e per muoversi. Privilegiare il treno è una buona opzione in mercati come l’Europa, la Cina, il Giappone, la costa orientale degli Stati Uniti e il Pacifico nord-occidentale.

Classe business per i voli a lungo raggio

Quando le politiche di viaggio e la programmazione lo consentono, prenotate per i viaggiatori una business class e se possibile selezionate voli con pochi o nessun scalo.

Scegliere la dimensione giusta dell’auto

Ricordate ai viaggiatori che le dimensioni dell’auto sono importanti. Guidate i vostri viaggiatori a prenotare un’auto che abbia senso per i loro viaggi senza compromettere il loro benessere e la loro sicurezza. Se i mezzi pubblici o il ridesharing non sono praticabili, incoraggiate i viaggiatori a prenotare il veicolo più piccolo possibile, in grado di accogliere tutti i passeggeri.

Viaggiare in modalità smart

Non esiste un approccio unico per bilanciare le pratiche sostenibili con il benessere dei viaggiatori. L’analisi dei modelli di prenotazione e di viaggio dei vostri dipendenti può rivelare potenzialmente un punto debole nel vostro programma. Alcune domande da porsi sono: Quando e quanto spesso i vostri dipendenti viaggiano? Attraversano fusi orari in un determinato viaggio? Utilizzano voli diretti o collegati? Quanto tempo trascorrono in viaggio e quanto a casa in un mese?

Il jetlag può essere molto dannoso per la salute e la produttività dei viaggiatori. Alcuni viaggiatori d’affari riferiscono anche di viaggiare al di fuori dell’orario di lavoro o durante il fine settimana. Questi fattori sono estremamente importanti da considerare perché possono portare a frustrazione e burnout. Alcune soluzioni potrebbero essere quelle di incoraggiare i viaggiatori a combinare le riunioni per ridurre il numero complessivo di viaggi, verificare se un collega locale può partecipare a una riunione, controllare se la destinazione può essere modificata in modo da ridurre il viaggio, ecc. Un altro modo per apportare un cambiamento positivo potrebbe essere quello di passare da una politica dei costi a una politica incentrata sul viaggiatore, in cui il comfort e la qualità sono al primo posto.

Per ulteriori indicazioni su come integrare il benessere e la sostenibilità nel vostro travel program, contattate il vostro program manager di riferimento. Non siete clienti di BCD Travel o Advito? Contattaci

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.