Market Monitor Cina

Le aziende spendono circa 327 miliardi di dollari l’anno per viaggiare in Cina. Il settore dei viaggi domestici rappresenta il 55% della spesa totale business travel. Questo è quello che si evince dall’ultimo rapporto BCD Travel Market Monitor Cina

Move Market-Monitor-Cina BCD Travel Italia

Ci si aspetta una crescita del 4.4% della domanda alberghiera nel corso del 2020

Le aziende spendono circa 327 miliardi di dollari l’anno (2.2 biliardi di yuan cinesi) per viaggiare da e verso la Cina, secondo gli ultimi dati annuali disponibili dal 2017. Il settore dei viaggi domestici è il segmento maggiore, rappresenta infatti il 55% della spesa di business travel; il 38% della spesa proviene invece dai viaggi internazionali verso l’estero. I viaggiatori cinesi dominano il mercato, costituendo il 93% della spesa dei viaggi aziendali. Tra il 2012 e il 2017, la spesa nel mondo dei viaggi d’affari è aumentata mediamente del 12.4% ogni anno. In questo lasso di tempo, la spesa annua dei viaggi interni al paese è aumentata dell’11%; quella dei viaggi verso l’estero del 17% e, infine, del 4% quella dei viaggi dall’estero verso la Cina. Ci si aspetta un rallentamento della crescita media della spesa nel mondo business travel, che si assesterà attorno al 10.5% l’anno nel 2022. Se si combinano i dati riguardo i viaggi business e quelli leisure, i viaggi internazionali da e verso la Cina (incluse le città di Macau e Hong Kong) raggiungono una crescita media annua del 7.5% tra il 2012 e il 2017- per un totale di più di 154 milioni di viaggi all’anno.

Scarica l’Industry Forecast 2019, con report  ad hoc per ogni stato e infografiche disponibili in 6 lingue. Chiedi a BCD Travel come può aiutarti ad ottenere nuovi viaggiatori verso mercati sia emergenti che maturi in tutto il mondo.

Economia

Crescita economica e spesa per viaggi d’affari

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • L’economia cinese è la seconda economia più grande al mondo dal 2009. Negli ultimi 40 anni l’assetto economico è passato da un’economia centralizzata ad una di mercato, basata sugli investimenti e sul commercio. Nonostante ciò il governo cinese ha ancora una significativa influenza sull’economia del paese.
  • Con l’arrivo dei dati riguardo al 2018, l’economia cinese ha evidenziato una crescita del 6.5%, secondo Oxford Economics. Lo sviluppo del mercato creditizio, l’attività immobiliare e la spesa dei consumatori (incoraggiata dal governo) si sono indebolite nel 2018. Gli unici elementi che hanno portato ad una crescita economica sono sono gli investimenti nelle esportazioni e nelle infrastrutture statali.
  • Il principale problema odierno per la Cina è il conflitto commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti. Nel gennaio 2019, la Banca Centrale cinese ha rilasciato un maggior quantitativo di soldi liquidi da dare in prestito alle imprese, nel tentativo di stimolare l’economia.
  • Gli economisti prevedono un continuo rallentamento della crescita economica da qui al 2022, fino ad arrivare ad una crescita del 5.2%. Si aspettano un declino degli investimenti e dell’attività industriale, mentre ci sarà uno sviluppo nel settore dei servizi. I dati riguardo ai consumi rimarranno stabili.

Voli

Viaggi Internazionali

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • 45 compagnie aeree cinesi operano voli programmati in tutto il paese. La maggior parte di loro è di proprietà dei quattro gruppi più grandi della nazione: Air China, China Eastern, China Southern e HNA Group.
  • China Eastern e China Southern sono i leader del mercato; ognuna di loro possiede il 22% della quota dei passeggeri.
  • Le compagnie aeree cinesi più grandi richiedono alle aziende di consegnare loro le “liste bianche” dei passeggeri autorizzati ad usare le tariffe aziendali agevolate. Le liste si applicano sia per i voli domestici che internazionali che partono dalla Cina, fatta eccezione per quelli che hanno origine da Macau e Hong Kong.
  • La domanda di trasporti aerei sta diminuendo. Uno dei fattori scatenanti potrebbe essere il rallentamento dell’economia cinese , così come la graduale liberalizzazione attuata dal governo delle tariffe aeree riguardo ai voli domestici. (All’inizio del 2018 le autorità cinesi hanno esteso le tariffe flessibili a più di un terzo delle rotte domestiche, che rappresentano la metà dell’intero traffico aereo domestico. Questo ha portato a tariffe più alte per alcune rotte.)

Pernottamento

Richiesta Hotels

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • La domanda alberghiera in Cina è aumentata del 29% tra il 2012 e il 2017, arrivando a 1.25 miliardi di pernottamenti in albergo. I viaggiatori che si spostano all’interno della Cina dominano il mercato, rappresentando i tre quarti del business degli hotel.
  • Tra il 2013 e il 2017, il numero delle catene alberghiere che operano in Cina è aumentato del 56%, secondo la società di ricerca industriale STR. Le catene internazionali si stanno interessando a città di secondo e terzo livello, come si evince dalle aperture degli alberghi come il Radisson Blu Zhengzhou, il Niccolo Changsha e il Radisson Ningbo Beilun Hotel.
  • Le catene cinesi sono spesso la prima scelta dei viaggiatori interni al paese e a volte vantano anche una presenza a livello mondiale. I gruppi Jin Jiang International, BTG Homeinns Hotels e Huazhu Hotel, infatti, risultano tra le prime dieci catene migliori al mondo.
  • Nel corso del 2020, ci si aspetta una crescita annua della domanda alberghiera del 4.4%, con l’espansione del business sia interno che internazionale. Le tariffe giornaliere medie potrebbero aumentare del 2% nel 2019, secondo quanto riporta l’Industry Forecast 2019 di BCD Travel.

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.