La negoziazione con le compagnie aeree nel 2021

Le policy delle compagnie aeree e i trends dei pricing sono cambiati drasticamente ed è molto probabile che gli obiettivi della tua azienda e la richiesta di business travel non siano gli stessi del passato.

Non sorprende che quasi ogni aspetto della gestione di un business travel program sia cambiato nel 2021 e l’attività di negoziazione con le compagnie aeree non fa eccezione. Le policy delle compagnie aeree e i trends dei pricing sono cambiati drasticamente ed è molto probabile che gli obiettivi della tua azienda e la richiesta di business travel non siano gli stessi del passato. In questo articolo cercheremo di capire cosa dobbiamo aspettarci per quanto riguarda l’offerta e come valutare le esigenze della tua azienda in questa nuova era del business travel soprattutto nell’ottica dell’attività di negoziazione con le compagnie aeree.

La policy delle compagnie aeree e i trends del pricing: cosa aspettarsi

Questo è un momento tumultuoso per le compagnie aeree di tutto il mondo e la maggior parte ha cambiato le proprie policy chiave relative alle regole e alle restrizioni tariffarie. Per il prossimo futuro, ciò significa maggiore flessibilità per i viaggiatori e per i programmi di viaggio. Il primo grande cambiamento a fare notizia è stata la rimozione delle fee per i cambi sulle rotte nazionali da parte dei principali vettori statunitensi. Solo un paio di mesi dopo, questo è stato esteso anche ai voli internazionali e, sebbene originariamente fosse inteso come una misura temporanea, le fee relative alle modifiche sono state ora eliminate “a tempo indeterminato” su molte tipologie di tariffa.

Molte compagnie aeree hanno annunciato che stanno estendendo la data di scadenza dei voucher ricevuti a causa delle cancellazioni dei voli, non solo sui biglietti esistenti ma anche per le nuove prenotazioni. Inoltre, le compagnie aeree stanno offrendo più incentivi per lo status match e promozioni a tempo limitato per guadagnarsi o mantenere la fedeltà dei propri viaggiatori. Quasi tutte le compagnie aeree hanno esteso lo “status di élite” ai propri viaggiatori per un minimo di un anno aggiuntivo e alcune hanno ridotto i requisiti di soglia per raggiungere il livello di status viaggiatore successivo. Non ci sorprende quindi il fatto che le compagnie aeree daranno grande importanza alla fedeltà dei propri viaggiatori e che nuove tipologie di incentivi saranno probabilmente offerti agli acquirenti di viaggi che potranno impegnarsi per volumi significativi nel 2021.

L’estensione di queste iniziative flessibili di policy e degli incentivi allo status di viaggiatore al pubblico in generale ci fa intuire che in questo modo le compagnie aeree perdono parte del loro potere di negoziazione nel momento in cui contrattano con i clienti corporate. Per questo motivo le compagnie aeree dovranno trovare modi nuovi e creativi per creare una negoziazione con un valore aggiunto per i clienti corporate – al di là dei forti risparmi – assicurandosi di affrontare le priorità nuove o mutevoli nei programmi di viaggio dei loro clienti. Soprattutto perché le riduzioni permanenti degli orari porteranno ad aumenti delle tariffe poiché la domanda inizierà a riprendersi nell’arco di tutto il 2021.

Comprendi le esigenze di viaggio della tua azienda in questa nuova realtà

Prima di poter pensare a come affrontare la negoziazione con le compagnie aeree dovrai avere una solida conoscenza delle esigenze di viaggio della tua azienda. Dove pensi ci sarà una riduzione permanente delle spese di viaggio? E di quanto? Tendenzialmente i viaggi d’affari saranno più selettivi man mano che le aziende decideranno cosa è e cosa non è “business-critical”. Probabilmente ci saranno meno viaggi, ma un ROI potenzialmente maggiore per viaggio e le richieste di viaggio saranno soddisfatte con maggiore attenzione. Collabora con altre parti interessate alle gestione travel della tua azienda, come il reparto finance, le risorse umane e il reparto security & risk, per capire se disponi degli strumenti e delle policy corrette per aiutare a preservare la continuità aziendale.

Anche i requisiti specifici di ciascuna destinazione possono influenzare le decisioni di viaggio

Molti paesi operano da mesi in base a politiche di test negativi obbligatori e gli Stati Uniti hanno finalmente aderito a questo elenco a metà gennaio con l’obbligo per tutti i passeggeri internazionali di presentare la prova del risultato negativo del proprio test all’arrivo. Potremmo assistere a un’escalation di queste restrizioni poiché alcune compagnie aeree e alcuni governi stanno prendendo in considerazione anche l’obbligo di vaccinazione prima di intraprendere un viaggio.

Sarà estremamente importante per i travel manager comunicare con le parti interessate interne alla propria azienda e comprendere le mutevoli priorità aziendali, nonché le esigenze e le preoccupazioni di ciascun segmento di viaggiatori. Inoltre, prendi in considerazione ciò che stai cercando in un fornitore preferenziale.

L’enfasi sarà ancora sui livelli di sconto e sulla riduzione dei costi? Oppure le misure di flessibilità e salute e sicurezza avranno la priorità?

 

Scritto da Ryan Hohag, Air Practice Director Advito

 

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.