Uno sguardo globale sui digital health passport nel video BCD Travel

Il ritorno al viaggio in modo sicuro è supportato da diverse misure. Tra queste la più significativa è sicuramente l’utilizzo dei digital health passport, i passaporti sanitari elettronici come il green pass italiano ed europeo. Allargando lo sguardo al mondo, quanti e come funzionano? Da chi vengono sviluppati? Player tecnologici, compagnie aeree, organizzazioni internazionali e, su tutti, le autorità governative hanno e stanno curando lo sviluppo di soluzioni per la verifica della validità e dell’autenticità delle certificazioni, siano esse risultato di tamponi e test effettuati o certificati vaccinali. Le app per il controllo sono pienamente in funzione e sono fonte …

Il ritorno al viaggio in modo sicuro è supportato da diverse misure. Tra queste la più significativa è sicuramente l’utilizzo dei digital health passport, i passaporti sanitari elettronici come il green pass italiano ed europeo.

Allargando lo sguardo al mondo, quanti e come funzionano? Da chi vengono sviluppati? Player tecnologici, compagnie aeree, organizzazioni internazionali e, su tutti, le autorità governative hanno e stanno curando lo sviluppo di soluzioni per la verifica della validità e dell’autenticità delle certificazioni, siano esse risultato di tamponi e test effettuati o certificati vaccinali.

Le app per il controllo sono pienamente in funzione e sono fonte di informazione e comunicazione tra tutti gli attori coinvolti in una trasferta. Rendono più semplice l’ingresso presso le destinazioni e chiaro a quali misure restrittive o ulteriori test deve essere sottoposto il viaggiatore.

Ecco una carrellata su quanto accade a livello internazionale ed extraeuropeo a cura del BCD crisis expert Jorge Mesa.

Per aiutare a standardizzare l’utilizzo dei digital health passport, Good Health Pass Collaborative sta lavorando allo sviluppo del Good Health Pass Collaborative Interoperability Blueprint, un sistema universale di passaporti sanitari elettronici a protezione della privacy, con pieno controllo lato utente e interoperabilità a livello mondiale.

BCD è la prima travel management company a diventare parte del Good Health Pass Collaborative e supporta lo sviluppo di un blueprint standard, così che passaporti pienamente in compliance siano universalmente riconosciuti e accettati da compagnie, aeroporti e controlli doganali in tutto il mondo.

Jorge Mesa
Jorge Mesa, Director, Global Crisis Management, BCD Travel

“Festeggiamo e guardiamo con favore alla pubblicazione del Good Health Pass Interoperability Blueprint. Si tratta del risultato di un grande e intenso lavoro di collaborazione tra più di 125 aziende attive nei settori della tecnologia, della salute e del travel. Sosteniamo questo blueprint in quanto step fondamentale per un ritorno al viaggio in sicurezza in tutto il mondo e continuiamo a impegnarci nel dare supporto e guida per i nostri clienti,” commenta Mesa, director of Global Crisis Management per BCD.

Meet Jorge Mesa

Jorge Mesa è fondatore dell’area Global Crisis Management di BCD. Aiuta le aziende a onorare le proprie responsabilità in fatto di duty of care, supportandole nello sviluppo di piani di travel risk management, monitorando l’esposizione ai rischi dei viaggiatori durante le proprie trasferte e assicurando un rapido intervento quando si verifica un evento critico. Il suo team offre supporto 24 ore su 24, monitoraggio degli eventi in tutto il mondo, crisis communication e coordinamento con security provider terzi. Aiuta le aziende a valutare anche la bontà della propria struttura di gestione del rischio travel e offre utile benchmarking sugli standard del settore.

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.