Stabilire un prezzo alla CO2 per ridurre le emissioni dei viaggi di lavoro

Molti esperti ritengono che un prezzo elevato del carbonio sia uno strumento importante per ridurre le emissioni di gas serra.

Tuttavia, sebbene l’implementazione di un prezzo del carbonio (chiamato anche carbon tax) non sia un concetto nuovo, oggi non è molto utilizzato dalle aziende. Per confrontare l’efficacia di diversi strumenti di sostenibilità, Climate Interactive, in collaborazione con il MIT, ha sviluppato EN-ROADS, una simulazione che permette di confrontare virtualmente diverse strategie di sostenibilità per capire il loro impatto sul contenimento delle emissioni. Da questa simulazione è emerso chiaramente che lo strumento più efficace è stabilire un prezzo del carbonio elevato.

Come potrebbe influire un prezzo del carbonio nei viaggi d’affari?

Come scrive il climatologo della NASA Peter Kalmus, “il riscaldamento globale è un fallimento dell’economia di mercato. I combustibili fossili generano un costo aggiuntivo per la società (riscaldamento globale, malattie respiratorie, ecc.), non incluso nel prezzo del carburante”. Più in generale, gli effetti negativi di un acquisto non sono mai presi in considerazione nel prezzo o nel calcolo del PIL. Che si tratti di abbattere una foresta, bruciare carbone o inquinare gli oceani per produrre un prodotto, attualmente non siamo ritenuti responsabili di queste attività dannose.

Per questo motivo, molti economisti stanno studiando la creazione di indicatori più globali che tengano conto degli aspetti sociali e ambientali nella definizione dei costi. Per quanto riguarda l’ambiente, l’imposizione di un prezzo al carbonio sembra essere una delle soluzioni migliori.

Cosa vorrebbe dire calcolare il costo reale dei viaggi d’affari?

Oggi il prezzo è di solito il fattore decisivo nelle decisioni di acquisto di un viaggio. Per esempio, su un volo Parigi-Shanghai, si può scegliere di prendere una coincidenza se è più economica del volo diretto.

Ma se il volo diretto emette 2 tonnellate in meno di CO2, non dovrebbe essere considerato anche questo? Seguendo questo esempio, supponiamo che il volo diretto sia più costoso di 150 dollari e che nella nostra politica di viaggio abbiamo fissato un prezzo del carbonio di 100 dollari per tonnellata. Possiamo stimare che il “costo ambientale” sia superiore di 200 dollari per il volo in coincidenza. Quindi, il costo totale “reale” (prezzo convenzionale + impatto ambientale) del viaggio è di 50 dollari più costoso per il volo in coincidenza. Pertanto, stabilire un prezzo interno del carbonio è un modo eccellente per arbitrare tra costo ed emissioni di carbonio e per incentivare i viaggiatori a dare priorità alle opzioni sostenibili.

Un ottimo esempio di questa pratica in azione è rappresentato da uno dei clienti Advito (azienda del gruppo BCD che si occupa di consulenza), LinkedIn. L’azienda ha appena introdotto un prezzo interno del carbonio di 60 dollari per viaggio.
Come sottolinea Leslie Hadden, travel manager, “è ora di non considerare più il prezzo come unico indicatore tangibile, ma di tenere conto delle esternalità ambientali”. La manager ritiene inoltre che questa tassa sia “un modo eccellente per educare i viaggiatori a rendersi conto dell’impatto del loro viaggio e, in ultima analisi, a viaggiare meno. È anche un buon modo per raccogliere fondi per finanziare progetti di sviluppo sostenibile, all’interno o all’esterno della nostra catena del valore”.

Infine, stabilendo un prezzo interno del carbonio, ci stiamo potenzialmente preparando per il futuro.
È possibile che nel prossimo futuro le aziende debbano pagare per le loro emissioni di CO2. Questo è già il caso delle aziende energetiche in Europa (sistema ETS) e si prevede che questo sistema possa essere presto esteso al settore dei trasporti. Possiamo solo aspettarci che il prossimo passo sia la generalizzazione di questa tassa a tutte le aziende.

Le sfide attuali

Sebbene il potenziale del prezzo del carbonio sia indubbio, la sua attuazione può incontrare un paio di insidie.

In primo luogo, per essere utile, il prezzo del carbonio deve essere alto, intorno ai 100 dollari per tonnellata. Se è troppo basso, può dare la falsa impressione che pochi dollari ci permettano di essere “neutrali” e che il nostro impatto ambientale sia minimo. Tenete presente che questo prezzo deve essere completamente indipendente dai costi di compensazione delle emissioni di carbonio, che oggi sono spesso troppo bassi. Per essere efficaci, devono coesistere due prezzi del carbonio, uno che rappresenti accuratamente i costi di compensazione e l’altro da utilizzare come tassa interna al momento della prenotazione del viaggio.

Inoltre, dobbiamo creare uno slancio collettivo, generando un sostegno interno in modo che questa tassa venga compresa e adottata. Una chiara strategia di comunicazione con i viaggiatori è fondamentale per il successo dell’implementazione di un prezzo del carbonio. Durante il processo di prenotazione, i fondi raccolti devono essere chiaramente identificati in modo che tutti capiscano a cosa saranno destinati.

“Vogliamo creare un sostegno reale a questo progetto. Il prezzo non deve essere visto come una punizione, ma come un contributo. Accogliere gli aspetti positivi è assolutamente cruciale per il successo di questo progetto e per la lotta al cambiamento climatico”, ha condiviso Leslie Hadden.

Siete pronti a introdurre una strategia di carbon pricing nel vostro programma di viaggi d’affari?

BCD Travel può aiutarvi! Contattate il nostro team qui
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in francese su: https://www.deplacementspros.com/

Vuoi leggere altri articoli sul tema della sostenibilità nel business travel?
Scopri la sezione del blog dedicata all’argomento

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.