Cosa significa un hotel carbon neutral?

Cerchiamo di fare un po’di chiarezza nel mondo dell’hotellerie in connessione con il tema della sostenibilità. Questo articolo ha l’obiettivo di essere una breve guida al nuovo mondo degli alberghi “green” .

I rendering del Six Senses Svart in Norvegia sembrano usciti da un film di fantascienza. Un hotel overwater a forma di ruota brilla ai piedi di un ghiacciaio – il ghiacciaio Svartisen nel fiordo Holandsfjorden, per la precisione – come una stazione spaziale in orbita.

Se tutto va secondo i piani, l’immagine ultraterrena prenderà vita nel 2024 come primo resort a emissioni zero e a zero emissioni (Six Senses non ha ancora avviato il progetto), unendosi a un movimento emergente di hotel attenti alle emissioni.

In Turchia, Stay Hotels afferma di essere il primo gruppo alberghiero a emissioni zero del Paese. A Denver è in corso la costruzione di Populus, una struttura di 265 camere che, quando aprirà alla fine del 2023, sarà il primo hotel “carbon positive” degli Stati Uniti. A New Haven, nel Connecticut, l’Hotel Marcel, inaugurato in aprile, è il primo albergo statunitense a zero emissioni.

Gli hotel contribuiscono per circa l’1% alle emissioni globali di anidride carbonica, afferma Claire Whitely, responsabile dell’ambiente per l’associazione Sustainable Hospitality Alliance.

Dei 36,3 miliardi di tonnellate di anidride carbonica emessi in tutto il mondo l’anno scorso, gli hotel hanno contribuito per circa 363 milioni di tonnellate, una quantità pari a quella necessaria per alimentare circa 45,7 milioni di case per un anno.

Negli Stati Uniti ci sono più di 90.000 alberghi che utilizzano energia per l’aria condizionata e il riscaldamento, per il lavaggio di asciugamani e lenzuola, per l’illuminazione delle camere e delle lobby e per la refrigerazione del minibar, per non parlare dell’energia e delle risorse impiegate per costruirli e arredarli.

“Stiamo parlando di proprietà che funzionano 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e di oltre un miliardo di notti in hotel”, afferma Peter Templeton, presidente e amministratore delegato ad interim dell’U.S. Green Building Council.

Le etichette “carbon-neutral” e “carbon-positive” sembrano buone sulla carta, ma alcuni esperti si chiedono se siano più operazioni di marketing che altro. Esperti del settore turistico e scienziati del clima hanno spiegato cosa i viaggiatori dovrebbero sapere sulla nuova ondata di hotel “verdi” e come sceglierne uno.

Cosa sapere e come scegliere un hotel green

Quando gli hotel dicono di essere neutrali dal punto di vista delle emissioni di anidride carbonica, di solito significa che stanno eliminando dall’atmosfera la stessa quantità di anidride carbonica che emettono.

Christoph J. Meinrenken, fisico della Columbia University Climate School, sostiene che tecnicamente il termine dovrebbe essere “net carbon neutral”, poiché la vera neutralità di carbonio significherebbe avere zero emissioni di carbonio, ma il termine “carbon neutral” è più comunemente usato.

Spesso ciò avviene attraverso le compensazioni di carbonio, che compensano le emissioni di carbonio di una persona, di un’azienda o di un governo rimuovendo il carbonio dall’atmosfera in altre modalità. Ciò può avvenire in diversi modi, ad esempio piantando un numero di alberi sufficiente a catturare la quantità di anidride carbonica emessa dall’hotel, oppure finanziando progetti di energia rinnovabile o di riforestazione.

Alcuni hotel non svolgono necessariamente operazioni “green”, ma si limitano ad acquistare compensazioni. Altri hotel diventano neutrali rispetto alle emissioni di anidride carbonica grazie a una maggiore efficienza energetica e coprono il resto delle loro emissioni attraverso la compensazione. Per esempio, all’Hotel Marcel, completamente elettrico, il 100% dell’elettricità è prodotto da pannelli solari in loco.

Secondo Rumsey, fondatore e amministratore delegato di Point Energy Innovations, una società di ingegneria dei sistemi di costruzione e di energia rinnovabile, oggi gli hotel possono diventare più efficienti dal punto di vista energetico spendendo meno, grazie a soluzioni facilmente reperibili, come l’illuminazione a LED, i piani cottura a induzione e i sistemi di gestione con sensori che assicurano un uso efficiente dell’energia.

Questo significa che la tecnologia di cui abbiamo bisogno per de carbonizzare l’industria alberghiera è già presente, bisogna solo metterla in atto.

Cosa si intende per hotel “Carbon negative”, “energy positive” o “climate positive”

Carbon negative, energy positive o climate positive si riferiscono a una struttura alberghiera che compensa più carbonio di quanto ne emette.

Una struttura può cercare di ottenere questo risultato producendo più energia rinnovabile di quella di cui ha bisogno o compensando le emissioni di carbonio utilizzate nella costruzione dell’hotel e non solo nelle operazioni quotidiane.

Il progetto proposto da Svart (hotel in costruzione in Norvegia) ne è un esempio. L’hotel e i servizi adiacenti, come le navette per le barche e le attività per gli ospiti, prevedono di essere autosufficienti per quanto riguarda l’elettricità, l’acqua e la gestione dei rifiuti. Creerà inoltre un surplus di energia rinnovabile utilizzando pannelli solari e pozzi geotermici per compensare le emissioni di carbonio associate alla costruzione dell’edificio.

Le proprietà che dichiarano di essere a zero emissioni significano che stanno compensando tutte le loro emissioni di gas serra (metano, protossido di azoto e altri), non solo quelle di carbonio.

Mentre “climate positive” è riferibile, ad esempio, a quando vengono piantati alberi per compensare i costi di carbonio della costruzione e delle operazioni dell’hotel, oppure l’utilizzo di una miscela di calcestruzzo a basse emissioni di carbonio e installando infissi progettati per ridurre il fabbisogno energetico dell’hotel e richiedere meno lavaggi. Alcuni hotel omettono anche la costruzione di un parcheggio per incoraggiare i visitatori a utilizzare i mezzi pubblici.

La criticità dei claim legati al carbonio

I critici sostengono che impegni come “carbon neutral” e “net zero” non sempre considerano con precisione l’intera portata delle emissioni. Altri diffidano della loro legittimità.

E poi c’è il timore che un hotel possa avere nobili obiettivi di sostenibilità ma non li rispetti.

Una volta apposta l’etichetta di “verde” o “sostenibile” su qualcosa, molte persone tendono a smettere di fare domande”, afferma Robert Krueger, esperto di sostenibilità che ha creato il programma di studi sull’ambiente e la sostenibilità presso il Worcester Polytechnic Institute.

“Gli architetti e gli ingegneri lavorano per creare un edificio sulla carta che funzioni in un certo modo. Ma quando si mettono le persone in quell’edificio, cambia il modo in cui funziona”, dice Krueger.

Secondo Rumsey, l’acquisto di compensazioni di carbonio può essere una buona cosa, ma non dovrebbe essere considerato una soluzione definitiva ai problemi di sostenibilità degli hotel.

“È solo una sorta di cerotto temporaneo”, afferma. “In fin dei conti, non possiamo comprare la nostra via d’uscita dal cambiamento climatico attraverso le compensazioni. Gli hotel e le compagnie aeree devono cambiare le loro emissioni in modo fondamentale“.

I traveler possono aiutare nel cambiamento attraverso le loro scelte di consumo

Durante l’acquisto di una struttura dove soggiornare, i viaggiatori dovrebbero esaminare le dichiarazioni di sostenibilità. Se un hotel dichiara di essere verde, eco-compatibile o neutrale dal punto di vista delle emissioni di anidride carbonica, ma non offre alcuna spiegazione in merito o non mostra alcun riconoscimento in tal senso è da considerarsi una bandiera rossa. Ma non si può lasciare in mano ai traveller l’onere di ricerca della veridicità delle informazioni.

Naturalmente, le scelte alberghiere più ecologiche non sono le uniche considerazioni che i viaggiatori dovrebbero fare, è importante anche preoccuparsi se un hotel tratta i suoi lavoratori in modo equo, se ha distrutto l’ecosistema in cui è stato costruito e se contribuisce al benessere della comunità o si limita a prelevare le sue risorse.

Quindi ai viaggiatori business e alle aziende interessate a sostenere la causa della sostenibilità, in tutte le sue accezioni, si può consigliare la definizione di un hotel program che vada ad investigare e selezionare hotel green, scegliere le compagnie aeree con aeromobili di nuova generazione, ingaggiare l’utilizzo di mezzi pubblici e in aggiunta, definire un budget per la compensazione delle emissioni di carbonio.

Tratto dall’articolo What does it mean for a hotel to be carbon neutral?

Washington Post

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.