Market Monitor Regno Unito

Secondo i dati di BCD Travel Analysis of Tourism Economics, le aziende hanno speso più di 90 miliardi di dollari (73 miliardi di sterline) in viaggio per, da e all’interno del Regno Unito nel 2017. Scopri di più sul Market Monitor del Regno Unito di BCD Travel!

Move Market-Monitor- Regno-Unito BCD Travel Italia

Incertezza attorno alla Brexit – Il piano del Regno Unito di operare al di fuori dell’Unione Europea dopo il 2019 sta suscitando disorientamento tra gli investitori economici

Le aziende hanno speso più di 90 miliardi di dollari (73 miliardi di sterline) in viaggio per, da e all’interno del Regno Unito nel 2017, secondo i dati di BCD Travel analysis of Tourism Economics. I viaggi domestici hanno rappresentato più dei due terzi, mentre il resto si è suddiviso equamente tra viaggi internazionali in entrata e in uscita. Tra il 2015 e il 2017, la spesa per i viaggi d’affari è cresciuta tra il 5% e l’8% all’anno. Si prevede che l’espansione raggiungerà solo il 3% nel 2018. Gli economisti prevedono una crescita annua del 3-4% fino al 2022, con spese per i viaggi d’affari interni, in entrata e in uscita in aumento a tassi simili.

Scarica l’Industry Forecast 2019, con report  ad hoc per ogni stato e infografiche disponibili in 6 lingue. Chiedi a BCD Travel come può aiutarti ad ottenere nuovi viaggiatori verso mercati sia emergenti che maturi in tutto il mondo.

Economia

Crescita economica e spesa per viaggi d’affari

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Il Regno Unito è stata la sesta economia mondiale nel 2017. Un prodotto interno lordo (PIL) stimato in 2.565 miliardi di dollari lo colloca tra la Francia e l’India nelle classifiche globali del Fondo Monetario Internazionale.
  • La crescita economica ha raggiunto solo l’1,8% nel 2017, proseguendo in costante calo da quando la crescita ha raggiunto il 3,1% nel 2014. Nel 2018, il PIL dovrebbe aumentare dell’1,7% e potrebbe continuare a tale ritmo fino al 2019, secondo Oxford Economics.
  • Una sterlina più forte sta guidando un aumento della spesa delle famiglie, ma rende anche i prodotti UK meno competitivi all’estero. Di conseguenza, il contributo delle esportazioni alla crescita del PIL dovrebbe diminuire.
  • L’incertezza attorno alla Brexit il piano del Regno Unito per operare al di fuori dell’Unione Europea dopo il 2019 – sta causando riluttanza tra alcuni investitori.
  • Sono in corso delle trattative con l’UE per mantenere gli attuali accordi commerciali fino alla fine del 2020. Un accordo di libero scambio in stile canadese sembra l’accordo a lungo termine più probabile, ma sarebbe un risultato inferiore rispetto alle aspettative del Regno Unito.

Voli

Viaggi Internazionali

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • I viaggiatori hanno effettuato oltre 125 milioni di viaggi internazionali da e verso il Regno Unito nel 2017. I britannici che viaggiano all’estero hanno rappresentato il 68% di questi viaggi.
  • La crescita dei viaggi internazionali dovrebbe rallentare di poco al di sopra del 3% annuo fino al 2022. Si tratta di un calo d1 quasi il 5% di crescita all’anno dal 2012 al 2017.
  • Gli Stati Uniti sono il più grande mercato di viaggi in entrata per il Regno Unito: rappresentano il 10% degli arrivi nel 2017. A seguire, Francia (9%), Germania e Irlanda (ciascuno con l’8%). Si prevede che queste azioni rimangano sostanzialmente invariate fino al 2022.
  • Il Gruppo IAG (British Airways, Iberia, Aer Lingus e Vueling) è il più grande operatore nel mercato di Londra. Nei cinque principali aeroporti della capitale, rappresenta il 34% dei voli in partenza. IAG gestisce almeno la metà dei voli dagli aeroporti di Heathrow e London City.
  • I vettori low-cost dominano negli altri aeroporti di Londra. EasyJet è la prima compagnia aerea a Gatwick e Luton, mentre Ryanair è capofila a Stansted, con oltre tre quarti dei voli di linea.
  • La Brexit rappresenta la più importante incertezza anche per il comparto dell’industria aeronautica del Regno Unito. Le strategie di negoziazione potrebbero avere un impatto sul servizio aereo tra l’UE e l’Europa.

Pernottamento

Richiesta Hotels

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Dopo anni di regresso della fornitura alberghiera, nel 2015 sono iniziate ad arrivare più prenotazioni online, ma il numero di immobili operanti nel 2016 è stato ancora inferiore del 6% rispetto al 2008, secondo i dati del UK Office for National Statistics’ Annual Business Survey.
  • La sistemazione Economy domina la catena di offerte. Premier Inn e Travelodge guidano il mercato con oltre 1.300 proprietà tra di loro.
  • I viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti rappresentano il 30% della domanda internazionale di alloggi in hotel nel 2017.
  • Terza posizionata, IHG è la più grande catena globale nel Regno Unito. Offre alloggi di alto livello, ultra-upscale e di lusso. La maggior parte delle proprietà sono classificate di classe media superiore, dove IHG è ben rappresentata dai marchi Holiday Inn e Holiday Express.
  • Negli ultimi cinque anni, la domanda di sistemazione in albergo da parte dei viaggiatori nazionali è rimasta invariata, mentre i pernottamenti internazionali sono aumentati del 35%.
  • Il rafforzamento del valore della sterlina comporta che i viaggiatori d’oltremare ricevono meno per i soldi che spendono in questo momento, il che potrebbe rendere il Regno Unito una destinazione meno attraente.

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.