Market Monitor Italia

Le aziende hanno speso più di 24 miliardi di dollari (90 miliardi di real brasiliani) per viaggi d’affari verso e all’interno del Brasile nel 2018. Scopri i dettagli sulla crescita e i prospetti economici del Market Monitor Brasile.

Move Market-Monitor-Italia BCD Travel Italia

Il rallentamento economico pesa sui fornitori voli e hotel in seguito al diminuire della spesa travel

Nel 2018 il mercato dei viaggi d’affari verso, da e all’interno dell’Italia ha registrato un valore di più di 61 miliardi di euro. I viaggi domestici hanno rappresentato il 43% dell’intero importo. Il resto è equamente diviso tra viaggi internazionali in entrata e in uscita dall’Italia. Dal 2013 al 2018, le spese per viaggi aziendali sono aumentate del 6% annuo. Si prevede che la spesa per business travel aumenterà del 3% l’anno da qui al 2023. Ma se le spese per business travel verso l’Italia dovrebbero aumentare del 5% all’anno, i viaggi in uscita cresceranno solo dell’1% annuo.

Scarica l’Industry Forecast 2019, con report  ad hoc per ogni stato e infografiche disponibili in 6 lingue. Chiedi a BCD Travel come può aiutarti ad ottenere nuovi viaggiatori verso mercati sia emergenti che maturi in tutto il mondo.

Economia

Crescita economica e spesa per viaggi d’affari

Move Market Monitor Italia BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • L’Italia è la quarta economia europea più grande, posizionandosi solo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Rappresenta il 15% della produzione economica dell’eurozona.
  • L’Italia è al secondo posto nel settore manifatturiero della zona euro, ma le sue aziende sono piccole. Lottano per finanziare le innovazioni necessarie per poter essere competitivi nei mercati di esportazione.
  • La sfiducia, i flussi di credito più deboli e l’incertezza crescente definiscono oggi l’economia italiana, che è tecnicamente in recessione.
  • L’economia è vulnerabile perché le finanze pubbliche non presentano condizioni positive; la situazione politica del Paese è incerta; e le banche italiane risultano particolarmente esposte al debito pubblico.
  • Una crescita nel 2019 è improbabile e anche per quanto riguarda una possibile crescita futura, questa dovrebbe rimanere inferiore all’1% annuo fino al 2023, secondo Oxford Economics.

Voli

Viaggi Internazionali

Move Market Monitor Italia BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • La domanda dei viaggi internazionali è aumentata di oltre un quarto tra il 2013 e il 2018 arrivando a 94 milioni di viaggi. Gli arrivi e le partenze sono cresciuti a un ritmo simile, con una media di quasi il 5% all’anno. Nel 2023 si prevede che la crescita dei viaggi internazionali rallenterà al 2,2% annuo.
  • Più di un quinto dei viaggiatori che si recano in Italia arriva dalla Germania; Il 13% proviene dalla Francia. Il Regno Unito è il terzo stato da cui provengono i viaggiatori, con una quota del 9%.
  • La Francia è la destinazione più popolare per i viaggiatori italiani, rappresentando il 24% delle partenze totali registrate nel 2018. La Spagna occupa il secondo posto, con una quota del 12%.
  • Alitalia è la più grande compagnia aerea italiana, con importanti hub nei due maggiori mercati del paese: Roma e Milano. Ma deve affrontare i vettori low cost Ryanair e easyJet sulle rotte a corto raggio. Air Italy potrebbe presto trasformarsi in una minaccia sulle rotte a lungo raggio.
  • Alitalia deve affrontare sfide finanziarie causate da anni di prestazioni poco meritevoli. Il governo ha sostenuto la compagnia aerea dal 2017; oggi sta cercando un investitore adeguato.

Pernottamento

Richiesta Hotels

Move Market Monitor Italia BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Tra il 2013 e il 2018, la domanda alberghiera in Italia è cresciuta di oltre il 12%, registrando in totale 286 milioni di pernottamenti. La domanda è equamente suddivisa tra viaggiatori nazionali e internazionali. Oxford Economics prevede una crescita del mercato alberghiero dell’1,8% annuo fino al 2023.
  • I viaggiatori provenienti dalla Germania hanno rappresentato il 27% della domanda internazionale di camere d’albergo nel 2018. Francia, Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi e Svizzera hanno contribuito con quote del 5-6%.
  • Il numero di hotel in Italia è diminuito dal 2008. Le catene rappresentano solo il 5% degli hotel, anche se la dimensione delle loro strutture dimostra che in realtà controllano il 15% delle camere totali.
  • Due terzi della supply chain è dedicata a hotel di livello upscale e upper-scale. Anche se la catena più importante, la Best Western Italia, la cui offerta è prevalentemente midscale, vanta oltre 150 hotel.
  • Il Gruppo UNA è la più grande catena italiana. Complessivamente, nel mercato italiano, operano 137 catene domestiche.
  • Nel 2018 le tariffe giornaliere medie (ADR, Average Daily Rates) in Italia sono risultate in linea con le previsioni dell’Industry Forecast di BCD Travel, registrando una crescita tra lo 0 e il 2 %. Le ADR dovrebbero seguire lo stesso tasso di crescita anche nel 2019.

Rimani informato,
anche in viaggio.

Non vuoi mai perderti le novità?
In una sola newletter mensile riceverai le ultime notizie, le tendenze, gli approfondimenti sul mondo del business travel e non solo, direttamente nella tua casella email.