Move market-monitor corea del sud BCD Travel Italia

L’incertezza commerciale pesa sulla dodicesima economia del mondo, ma la spesa travel è ancora forte.

I business traveler hanno speso quasi 15 miliardi di dollari USA in viaggi da e verso la Corea del Sud nel 2018. I viaggi nazionali hanno rappresentato il 39% di questa cifra. I viaggi verso l’estero hanno pesato per il 32%. Tra il 2013 e il 2018, non vi è stata alcuna crescita media annua della spesa business travel. Mentre la spesa interna è cresciuta dell’8,3% all’anno, la spesa per viaggi internazionali è diminuita. Entro il 2023, la spesa travel dovrebbe espandersi del 6,4% all’anno. Il mercato viaggi raggiungerà picchi di crescita del 7,8%. La spesa per i viaggi in uscita sarà in media del 6,1%, con una crescita del 5,4% prevista per i viaggi domestici.

Scarica l’Industry Forecast 2019, con report  ad hoc per ogni stato e infografiche disponibili in 6 lingue. Chiedi a BCD Travel come può aiutarti ad ottenere nuovi viaggiatori verso mercati sia emergenti che maturi in tutto il mondo.

Economia

Crescita economica e spesa per viaggi d’affari

Move Economia Corea del Sud Market Monitor BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Con un prodotto interno lordo (PIL) di oltre 1,6 trilioni di dollari, la Corea del Sud ha la dodicesima economia mondiale. È anche la quarta più grande economia asiatica dietro Cina, Giappone e India.
  • Guidata da un settore manifatturiero focalizzato sulle esportazioni e supportata dall’uso delle più recenti tecniche di produzione, la Corea del Sud ha registrato una rapida crescita economica in media del 9% all’anno tra il 1980 e il 1996.
  • Colpita duramente dalla crisi economica e finanziaria asiatica del 1997-1998, le società sudcoreane sono state da allora più caute sugli investimenti. Ciò ha frenato la crescita economica, che è stata in media solo del 3% all’anno nel periodo 2011-2015.
  • La crescita si è ulteriormente attenuata, scendendo al 2,7% nel 2018 e quest’anno dovrebbe scendere all’1,9%.
  • L’incertezza commerciale pesa sulle prospettive a breve termine. Gli esportatori sudcoreani sono vulnerabili al rallentamento economico della Cina e le conseguenze della sua disputa commerciale con gli Stati Uniti. L’economia della Corea del Sud subisce un impatto anche in relazione alla disputa commerciale con il Giappone.
  • La Bank of Korea ha tagliato i tassi di interesse per limitare alcuni dei danni alla crescita economica. Il governo ha anche promesso di aumentare la spesa nel 2020, sostenendo l’occupazione e la domanda interna. Ma la Corea del Sud dovrà ancora affrontare due anni di crescita debole.

Voli

Viaggi Internazionali

Move Aereo Corea del Sud Market Monitor BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Il mercato travel in Corea del Sud è storicamente composto da viaggi in uscita, con i viaggiatori in partenza che rappresentano oltre i due terzi di tutti i viaggi.
  • Tra il 2013 e il 2018, i viaggi in uscita sono aumentati del 12% all’anno; gli arrivi sono cresciuti più lentamente al 5%.
  • I viaggi in entrata hanno subito fluttuazioni negli ultimi anni, poiché gli arrivi dalla Cina e dal Giappone hanno registrato aumenti e diminuzioni di anno in anno.
  • Dal 2008, il numero di compagnie aeree di linea locali è aumentato da tre a otto. Altre tre compagnie aeree sono in cantiere.
  • Korean Air e Asiana sono i leader del mercato, ma affrontano una crescente minaccia da parte dei vettori a basso costo in rapida espansione (LCC) Jeju Air, T’way Air e Eastar Jet. Per competere, hanno avviato i loro LCC: Asiana ha lanciato Air Seoul e Air Busan, mentre Korean Air possiede Jin Air.
  • Korean Air è la più grande compagnia aerea dei due aeroporti di Seoul – Incheon e Gimpo – e Jeju e Cheongju. Asiana è la principale compagnia aerea di Busan, Daegu e Gwangju.
  • Mentre la concorrenza LCC è stata finora limitata alle rotte regionali, la startup Air Premia prevede di portare la concorrenza a basso costo sui mercati a medio e lungo raggio, incluso il Nord America.

Pernottamento

Richiesta Hotels

Move Pernottamenti Corea del Sud Market Monitor BCD Travel Italia

Clicca sull’immagine per ingrandirla

  • Tra il 2013 e il 2018, la domanda internazionale di alloggi in hotel è diminuita del 6%. Anche con un aumento del 9% da parte dei viaggiatori domestici, le notti totali in camera sono aumentate solo del 2% durante questo periodo.
  • I forti cali dei visitatori giapponesi e cinesi nel 2015 e nel 2017 sono stati la causa principale della debole domanda internazionale.
  • Le tre più grandi catene alberghiere nel mercato sudcoreano sono tutte società globali: Wyndham, Marriott e Accor.
  • Il leader del mercato Wyndham offre solo sistemazioni di fascia media, sebbene i suoi 33 hotel Ramada siano situati in tutto il paese.
  • Marriott offre sistemazioni in 13 marchi nei livelli di servizio di lusso, di alto livello, di alto livello e di livello medio, sebbene pochi dei suoi 27 hotel siano situati fuori Seoul.
  • Attraverso una partnership con Ambassador Hotel Group, Accor gestisce 25 hotel in sette città della Corea del Sud.
  • La quarta catena più grande LOTTE Hotels è il più grande operatore locale, con 20 hotel in Seul, Busan, Jeju, Daejeon, Ulsan e Sokcho.

Ti è piaciuto questo articolo?

Lo hai trovato interessante? Iscriviti alla Newsletter Move di BCD Travel Italia per ricevere un’e-mail al mese sui nostri migliori articoli.

Copyright © BCD Travel