L’ABCD del Business Travel:
analisi dati



Questa volta parliamo dell’ ABCD dell’analisi dei dati, nel senso che partiamo dai concetti basilari con l’intento di semplificare un argomento molto complesso.

back-to-school_analisi_webLa spesa media può essere un dato fuorviante se non sappiamo leggerla.
Esistono parametri statistici che sono in grado di descrivere in modo pertinente e facilmente trasformabile in azione la realtà effettiva della gestione travel aziendale.

Cancellazioni e riemissioni, per esempio, sono importanti indicatori del costo della flessibilità organizzativa, essenziale per poter predisporre piani correttivi e formativi per ridurre i costi non necessari – elementi che non emergono in alcun modo nell’osservazione della spesa media.

Nel calcolo della spesa bisogna fare attenzione ad analizzare dati effettivamente paragonabili.
Così, se il costo di cinque biglietti relativi all’anno 2015 dà come risultante una spesa media X, non è detto che lo stesso dato analizzato l’anno successivo sia sufficiente per confrontare i trend e le performance.

Le voci di costo possono presentare differenze ben più marcate tra loro: indicatori statistici quali la devianza mettono in luce la confrontabilità del dato e l’effettiva pertinenza dei risultati da trarre dagli stessi.

In conclusione non ci si può fermare alla spesa media per affrontare delle scelte strategiche ma è necessario un approccio professionale che tenga conto di tutte le variabili in ambito di rilevazione e analisi del dato.

Per questo gli esperti BCD Travel possono offrire servizi di consulenza dedicati: per maggiori informazioni scrivi a crm@bcdtravel.it.